Economic “disturbing reality” for few to benefit

If you have read out previous post you can consider one of our comments on whats behind all this economic turmoil.

point one: destruction of people’s Rights through the creation of an economic “disturbing reality” such as the recent possible default of the US with near one million left home;

point two: a last minute agreement with US government shutdown to end after Congress passes debt ceiling deal;

point three: Senate Deal on Debt, Shutdown Sends Stocks Soaring;

point four: Debt limit breach no big deal, some GOP lawmakers say;

The questions are: Why all this “economic disturbing reality”, why a last minute agreement? Who benefits from all this?

Well one answer for sure is: the usual Investment Banks & large Investment Funds getting stronger and stronger.

The new ‘Aristocracy of purpose’ and shift to tax exile.

In all European and Anglo-Saxon countries we are experiencing destruction of the Welfare State, increased direct and indirect taxation that penalizes the disappearing middle-class, destruction of people’s Rights through the creation of an economic “disturbing reality” such as the recent possible default of the US with near one million unemployed….and we could go on and on…

Now, what is the leitmotiv behind all this?

Consider a group well represented with top figures from the Council on Foreign Relations (CFR), IMF, World Bank, Trilateral Commission, EU, and powerful central bankers from the Federal Reserve, the ECB’s Jean-Claude Trichet, Bank of England’s Mervyn King, Angela Merkel, Alan Greenspan, Ben Bernanke, Larry Summers, Tim Geithner, Lloyd Blankfein, George Soros, Donald Rumsfeld, Rupert Murdoch, other heads of state, influential senators, congressmen and parliamentarians, Pentagon and NATO brass, members of European royalty, selected media figures, and invited others – some quietly by some accounts like Barack Obama and many of his top officials…

Follow me on the objectives of the Bildeberg Group that is considered a shadow world government that groups these powerful people with intentions of creating an ‘Aristocracy of purpose’ between Europe and the United States.

Their “wish list” includes:

– “one international identify (observing) one set of universal values;” Not Yet Reached

– centralized control of world populations by “mind control;” in other words, controlling world public opinion; On there way with the Web based apps and systems

– a New World Order with no middle class, only “rulers and servants (serfs),” and, of course, no democracy; Getting there

– “a zero-growth society” without prosperity or progress, only greater wealth and power for the rulers; Already there

– manufactured crises and perpetual wars; already there (see: Greece, Spain, Italy,UK, USA….see Siria, all north African countries and other)

– absolute control of education to program the public mind and train those chosen for various roles; not yet

– “centralized control of all foreign and domestic policies;” one size fits all globally;not yet

– using the UN as a de facto world government imposing a UN tax on “world citizens;” nearly there (see Greece, Italy and other military purchases despite of the social & economic crisis)

– expanding NAFTA and WTO globally; trying hard

– making NATO a world military; not yet

– imposing a universal legal system; trying hard (see chaos in juridical systems, and more that ever unpunished outlaws)

– a global “welfare state where obedient slaves will be rewarded and non-conformists targeted for extermination.” not yet

If all this is true, and you are a middle class wealth person maybe you should adopt Sir Richards Branson’s way-of-life to escape being “ripped-off-slowly”: a tax exile for seven years in the Caribbean island after having  sold his property interests, including his Oxfordshire estate and London. Anyhow, he probably spends more time flying around the world than he does on the Caribbean.

 

 

Banks Collapse Five Years Ago made the World safer now? Unfortunately Not

Barack Obama’s campaign slogan of “yes we can” has turned into a collective “no we can’t”.

From Main Street we are back to Wall Street. One aspect of this supposed failure is plainly the absence of serious financial reform.

Banks are accused of an effective lobbying and carry on as before; it’s now back to business as usual. But, up to a point, a business as usual banking sector is precisely what we most need.

The economy won’t start functioning properly again until the banks return to their normal role of money creation and credit expansion.

Banks are nothing more than  just conduits for wider macroeconomic events and developments, and it is perhaps on this front that the absence of change is at its most striking.

Some things however have obviously changed;

§ prolonged period of zero interest rates is without historical precedent, in Western economies at least. No one would have predicted, that interest rates were dramatically close to zero for such a long period of time. The Governor of the Bank of England also forecasted that this will go on for another two years.

§ surging of Western governments deficits and debts . This has already happened before, but in the past the phenomenon has nearly always been associated with major wars. The debt burden then naturally decreases later with return to normal economic activity.

§ rapid demographic change where pressure on the public finances from ageing populations limits the scope for debt pay-down; never seen before in peace-time periods to this extent and limits greatly improvement of economic conditions.

§ expansion of credit close to nothing in Western economies, since the Lehman collapse. The policy response to the crisis has made the causes underlying the implosion worse and not better.To the contrary, households, businesses and banks have quite substantially reduced their leverage.

In today’s world, you have to look at the global picture, not the narrow domestic one, and across the world economy as a whole, there has been a substantial, and continued rise in credit.

This is particularly evident in China, where credit expansion since the collapse of Lehman makes what happened in the US in the run-up to the sub-prime crisis look positively pedestrian.

Banks may now be better regulated, but finance obeys the waterbed principle; squash it down in one area, and it merely rises up in another.

The Western banking crackdown has supported substantial growth in off-balance sheet, shadow banking, again especially in China, the rest of Asia, South America and Persian Gulf Countries.

Central bank money printing has, meanwhile, greatly expanded the quantity of money chasing and limited opportunity for productive use, thereby adding to inflation, fuelling asset bubbles and further widening the wealth divide.

By common agreement, the cause of the financial crisis was too much debt. The mirror image of too much debt is too much saving. Quantitative easing has further expanded the savings glut, making the problem worse than ever.

Today’s misallocation of excess capital is not in US sub-prime housing, but prime property in central London and other major international cities, over-investment in China, and unsustainable growth in once fashionable emerging markets.

The bottom line is that very few, if any, of the primary causes of the crisis have been properly addressed; they have merely been papered over. Trade imbalances within the eurozone and between America and China have admittedly got better, but only to be replaced by different manifestations of the same underlying problem.

Spain and even Greece have now closed once yawning current account deficits, but only by allowing unemployment to climb to unprecedented levels, thereby collapsing internal demand. This is not a problem solved, but merely transformed.

Is the world a safer, reformed place as a result of the five years that have elapsed since the Lehman implosion? In the sense that bankers are more risk averse and constrained, possibly yes, but in terms of the underlying faultlines that created the crisis in the first place, no; these are now worse. This rolling crisis is not yet over, but transformed into a longer agony.

 

Una Nuova Repubblica di Weimar Estesa al Sud Europa?

Cosa vi viene in mente dopo la seguente notizia di oggi?:

La Germania chiama i giovani europei
con stipendi più alti e viaggi pagati

Il governo tedesco finanzia un programma per attirare nuovi lavoratori specializzati nel Paese: nel 2025 ne mancheranno 6 milioni. Gli apprendisti stranieri guadagneranno di più e riceveranno un aiuto per raggiungere lo Stato

Adesso che l’Unione Europea e con essa la B.C.E. ha messo in ginocchio il sud Europa, la Germania porta via i giovani qualificati (gratis… non avendo la Germania pagato la loro formazione). Così facendo fa crollare ancora di più le economie dei singoli paesi.

Unione Europea e con essa la Germania dovrebbe aiutare i singoli paesi a rialzarsi come quando tutta l’Europa ha aiutato e sottoscritto il debito tedesco per unire le due Germanie divise. (Infatti, il costo della riunificazione è stato stimato intorno ai 1.500 miliardi di Euro (secondo Freie Universität Berlin). Questa cifra è più grande del debito nazionale dello stato tedesco.  A tutt’oggi uno speciale trasferimento di 100 miliardi di Euro ogni anno viene dato ai territori dell’ex-Germania Est per la “ricostruzione”.)

Invece NO!

Una vera invasione economica e culturale dove a Brussels sono tutti d’accordo e nessuno dice ne fa nulla perché ciò non accada.

Una nuova Repubblica di Weimar estesa al sud Europa?

 

 

 

I Capitalisti Contro il Capitalismo: Chi Domina la Terra Vince.

Stiamo vivendo un cambiamento epocale dove Istituzioni, Governi, Centri di Potere e Regole sono in fase di veloce mutamento con impatti a livello sociale a dir poco impensabili un decennio fa. Bastano questi eventi a far pensare:

- Un’ Europa con il suo Euro in stato d’assedio con impatto a livello economico (e sociale con il popolo nelle piazze);       Grecia in primis seguita da Spagna, Portogallo e la ricca Irlanda;

- Le Borse ormai mine vaganti che seminano terrore e non creano ricchezza;

- Circa un terzo dei giovani sotto i 25 anni senza un impiego nei paesi più “ricchi”;

- Governanti inquisiti, tutti contro tutti, con possibilità di concertazione decisionale limitata;

- Anche la Terra si ribella: catastrofi naturali (o armi sismiche?) senza precedenti:

Tsunami (più di due),

Terremoti a livello costiero (più di due),

Eruzione Vulcanica (in Islanda) ,

e tutto in pochissimo tempo.

Intanto una Russia che piano piano si riprende i suoi “satelliti”, una Cina ormai un potente della Terra, sia come produzione di ricchezza, sia come influenza economica e sociale, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

E gli U.S.A. dove sono? Ci sono ma sempre meno presenti come punto di riferimento a livello del economia globale ma;

- Le Agenzie di Rating (esempio Moody’s) più importanti che decidono quale investimento è a rischio, sono Americane;

- Le banche che hanno cominciato a trascinare giù tutti, sono Americane;

- Gli Hedge Funds (Fondi Speculativi) più grossi che hanno creato buchi su buchi finanziari, sono Americane;

- Sono economisti o manager di banche Americane che dicono perché e dove l’Europa ha sbagliato le sue mosse (vedi JP Morgan)

- Sono gli Americani che guidano le Task Force per impedire che paesi come Iraq, Haiti (dopo il terremoto tutelati dagli USA), Chile (anche prima del terremoto e paese cavia con i famosi Chicago Boys per gli aiuti/modelli di salvataggio Economici) ed altri, finiscano in un caos sociale.

In sintesi, Zona Euro giù anche con potenziale di caos sociale a macchia di leopardo; causato da chi/cosa? Sicuramente da un Sistema Capitalistico.

Che dite, ci facciamo salvare anche noi da quelle stesse potenze che ci hanno ridotto a pregare in ginocchio perché il peggio non avvenga?

Insomma, la lotta per il dominio della Terra è ricominciato ma in modo diverso nuovo, più subdolo.

Dalla Crisi dei “Sistemi” Finanziari a Crisi Sociale. Anziché “Dalla Russia con Amore” “Dagli USA con Amore” Giacché Siamo a San Valentino!

Un effetto domino a livello mondiale, con il primo birillo che è caduto negli USA! Tutto ciò si è ormai tradotto in crisi sociali.

A chi pensa a un eccessivo pessimismo, tenga a mente i seguenti accadimenti:
- Gran Bretagna in recessione colpita direttamente dalla crisi in U.S.A.: licenziamenti a catena, fallimento di banche, fallimento della distribuzione non alimentare come Woolworths ceramiche Wedgwood un marchio storico. Nazionalismi “occupazionali” diffusi. Circa 5.5 milioni di bambini vivono in famiglie che lottano contro la povertà,

- Irlanda dominata dalla crisi delle Banche con voci che i miliardari portano via i loro risparmi,

- Islanda con proteste violente contro il Primo ministro. Caduta del governo rimpiazzato da una nuova coalizione,

- Olanda con rischio fallimento Banche quali ING .e il gigante ABN Amro,

- Russia con proteste in piazza contro la politica economica del governo che ha causato crescente disoccupazione e incremento della criminalità,

- Emirati Arabi ricchi di petrolio in crisi con minaccia che la crisi economica porterà a meno sforzi USA nella regione. Domina il “Good-bye Dubai”,

- China la “ricca” alle prese con chiusure di aziende che esportano merci come giocatoli.
E ancora…

- Brasile; proteste dei lavoratori GM licenziati,

- Turchia; proteste contro l’inflazione galoppante e disoccupazione,

- Svizzera; governo in “rosso” per salvare la banca UBS e clima di accesi nazionalismi,

- Spagna; proteste in piazza contro la disoccupazione gallonante nei settori Costruzione e Grande Distribuzione,

- Giappone con crescente livello di disoccupazione dalla Nissan, Toyota alla Sony.
In Italia ormai lo spiamo tutti..
- Crisi Mutui, Borsa, Fiat e molte aziende dal manifatturiero alla moda.
E ovvio che non può durare a lungo una situazione simile. Il problema va oltre il politico. Quando il popolo è ai cancelli del palazzo chiedendo “pane” ormai il Re e la Corte hanno i destini segnati. I governanti, come all’epoca i Re, pensano che è impossibile che qualcosa a loro accada.

Per il Popolo in Nome del Popolo: dagli Esuberi (settore Auto es Fiat, Finanza es Bank of America, Informatica es Microsoft) ai Nazionalismi e Democrazie Apparenti.

Esuberi di personale ovunque.

Dalla Fiat, che ha cassaintegrato 44 300 lavoratori nel Nord-Est, a Panasonic, che prevede di licenziare 15 000 lavoratori, per arrivare fino alla Microsoft con 5 000 esuberi previsti.

I settori più colpiti a livello mondiale sono finanza, bancario, auto, informatica fino a quello del lusso.
Aiuti nazionalisti all’auto in Francia frenati dall’Unione Europea.
Venti di protezionismo nel Regno Unito con ondate di risentimento contro i lavoratori stranieri nelle raffinerie britanniche, è notizia di oggi che la Total è arrivata ad un compromesso: il 50 per cento circa delle assunzioni da fare nel prossimo futuro andranno ai lavoratori britannici.

Venti di protezionismo anche in U.S.A. dove dei politici repubblicani hanno chiesto alle aziende di mandare via prima i dipendenti stranieri muniti di regolare permesso. Un cambio di direzione dal liberismo al “nazionalismo” occupazionale.
Pressione sul “sistema politico” da parte dei governanti/imperatori che minacciano catastrofi se non si prenderanno decisioni rapide. E’ chiaro che così facendo, se le cose andranno peggio la colpa sarà di qualcuno che poi dovrà essere eliminato.
E poi, ancora pressione sui Manager a capo dei vari centri di potere economico.
Da evidenziare e che l’attuale crisi è di tutto un sistema, non causata dai singoli!
Per aumentare il loro potere, infatti,  gli “imperatori” devono incolpare e disautorare Senatori reticenti fino ai Manager potenti.
L’obiettivo dei potenti (..che vagano nel buio) non è più l’economia ma il popolo.
Dalla paura contro il terrorismo (ricordiamoci l’attentato alle torri gemelle) siamo passati alla paura di grave recessione.
La paura funziona. Le persone fanno di tutto quando hanno paura; nessuna persona può vivere in pace in un clima di continua tensione.
Gli “imperatori” cosi facendo giustificano l’ingiustificabile, per il popolo in nome del popolo che ormai è nelle “piazze”.

Non c’è “Potere Economico”. E gli Stati Uniti di Obama?

[singlepic=36,320,240,,left]A parte la Cina che ha in cassa oltre 1700 miliardi di dollari, tutti i paesi industrializzati compresi quelli della Comunità Europea prevedono un PIL vicino allo zero (per non dire sotto). In poche parole, nessuno guadagna.

Tutti questi aiuti per miliardi di euro al settore auto, alle famiglie e al ceto medio dove li trovano? E anche gli Stati Uniti, dove li trovano i 1000 miliardi di dollari promessi?

Stampano soldi creando deficit ancora più grandi.

Chi paga?
Nessuno.

I soldi vanno presi allora a chi li ha: i paesi del golfo e quelli che negli anni d’oro della Borsa hanno guadagnato direttamente (come imprenditori es. Bill Gates) o indirettamente (come investitori es. George Soros).

Come?
Dando a loro le colpe di questa finanza disastrosa che ha colpito tutti…
Senza “soldi” e produzione di reddito dei vari paesi, il potere economico tra essi si azzera.

Rimane solo la differenza sostanziale di potere militare…. Per fare cosa?

Viva l’Imperatore e i Gladiatori, abbasso il Senato.

[singlepic=34,320,240,,left]Quando l’imperatore Commodo s’insediò, reintrodusse i “giochi” con lui stesso nel ruolo di gladiatore con lo scopo di indebolire il Senato. Come? Intrattenendo il popolo (rappresentato proprio dal Senato) avrebbe avuto un legame diretto con i Romani.

Quando Barack Obama si è insediato ha:
-    tolto il potere alle “lobby” (che rappresentano un sistema di potere);
-    messo a disposizione di tutti, sul web, per cinque giorni gli Atti Presidenziali (anche se molte decisioni non sono soggette a scrittura, es. Attacco in Pakistan);
-    limitato l’accesso alla stampa (Associated Press, Reuters, ecc…);

Ovvio, il paragone non calza a pennello ma fa pensare.

Il potere politico, per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, è di colore mentre il potere economico-finanziario è ‘bianco’. Non scordiamoci che George Washington fece costruire la Casa Bianca con schiavi di colore e la segregazione razziale è storia recente.

Pensate a come si sentirebbe quella donna  di colore di oltre 100 anni menzionata nel discorso di Obama (Yes We Can) se fosse alla Casa Bianca…

E l’economia? La crisi delle borse che continua, aziende che perdono e risparmiatori che ci rimettono?

Valutiamo questo:
-    Borse che tornano alla valorizzazione del 2003;
-    aiuti per miliardi e miliardi di Euro che non hanno ancora avuto alcun effetto;
-    fiducia dei mercati Finanziari a “zero”.

Risultato? Uno in particolare fa pensare…
Piazze in Fiamme in Europa dall’Estonia alla Grecia non più con ‘poveri’ in piazza ma con persone che hanno perso i loro risparmi e le loro sicurezze.

A questo punto, forse, servono degli Imperatori/Gladiatori popolari autoritari/autorevoli ?

Il Valore delle Cose

Avete mai provato ad acquistare beni di prima necessita con oscillazione in alto e in basso dei prezzi nell’arco di poche settimane?

Penso tutti noi, perche se non altro consumiamo carburante (barile di petrolio sotto 38 euro da oltre 90).

Pensate poi al valore dei vostri investimenti sia in Borsa sia fuori Borsa (esempio; immobili) e provate a vendere. Certo avete perso ma in realtà quanto? Da poco a tanto, lì da qualche parte.

Provate a dare i vostri soldi alla Banca. Vi danno poco, un anno fa di più (i tassi erano saliti) ed adesso poco o nulla (tassi oscillanti attorno al 1,5-2,0%). Pero come privati provate a chiedere un prestito; certo i tassi sono molto più alti.
Si potrebbe andare avanti cosi per ore facendo degli esempi; Allora la domanda è ovvia:

Qual è il valore del denaro?

Ricordiamoci che il denaro non è altro che un titolo di credito al portatore garantito da un governo e/o istituto di emissione.
Pensate a quanti paesi compongono la Comunità Economica Europea e che hanno l’euro come moneta (16 :Germania, Francia, Italia, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Irlanda, Spagna, Portogallo, Austria, Finlandia, Grecia, Slovenia ,Cipro,Malta, Slovacchia). Pensate garantiscono loro!!!!!
Inoltre, vedendo l’andamento delle varie economie certo non sorprende visto l’andamento negativo delle varie economie nazionali che il valore del denaro è un ambito di valore (da…a…).
Certo non è più un valore relativamente fisso verso altre monete, investimenti, beni di prima necessità.

Perché?

Perche l’instabilità dell’intero sistema economico occidentale genera scompensi che richiedono “cure monetarie” urgenti. Tali cure portano a oscillazione dei tassi a immissione di massa monetaria sul mercato per coprire “buchi”.
L’economia “non tira” e ristagna la gente non spende perché non ha….Il tutto un ciclo vizioso che tira giù tutto …incluso il valore delle cose.

E allora?

Cari governanti, Legal o Gold Standard, riunioni a Basilea (World Economic Forum) ed altre fate come volete ma la clessidra ormai segna la fine del tempo rimasto per azioni non dolorose.